55 visitatori online
Banner
Home Bomberos El Cuerpo General de Bomberos Voluntarios del Perú
Menu Principale
Home
Cosa è Peruan-Ità
Disclaimer
I 100 anni di MacchuPicchu
Interviste e reportage
La radio dal passato ...
Notizie
Boletín: "Il Perù a Milano" (Consulado General del Perú en Milán)
Le Foto
Artisti
Personaggi
Articoli archiviati dal 2008
Archivio testi 1999-2008
FACEBOOK GROUPS
Mappa del sito
Area riservata
Interviste-reportage
Corrispondenti
Redazione Italia
Dal Perù
Redazione World
Banner
Pagina FB
 
 
I più letti
El Cuerpo General de Bomberos Voluntarios del Perú PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Giovedì 23 Luglio 2009 15:22
Indice
El Cuerpo General de Bomberos Voluntarios del Perú
In Italiano
Tutte le pagine
 

Storia e notizie  
del Tenente C.B.P. Lewis Mejía P. 
con la collaborazione di Pietro Liberati

Il Corpo Generale di Pompieri Volontari del Perù (CGBVP)

Il Corpo Generale di Pompieri Volontari del Perù (CGBVP), è un Organismo Pubblico Decentrato della Presidenza del Consiglio dei Ministri, come figura giuridica di diritto pubblico interno. Autonomia tecnica, economica ed amministrativa

Obiettivi:

Promuovere e coordinare le azioni di prevenzione degli incendi ed incidenti, valutando i rischi per la vita e la proprietà, notificando alle autorità competenti la violazione delle norme vigenti sulla materia. Combattere incendi, recuperare e salvare vite esposte al pericolo degli incendi o di incidenti, rispondendo alle emergenze derivate degli stessi, prestando soccorso e la debita assistenza. Partecipare alle azioni di appoggio, al controllo dei danni causati da disastri o calamità, naturali o indotti.

Funzioni:

Formulare, coordinare, approvare, eseguire e soprintendere piani e programmi tecnici riferiti alla prevenzione ed alla lotta contro gli incendi. Combattere gli incendi, rispondere alle emergenze causate da incendi o incidenti, prestando soccorso e l'aiuto dovuto. Dirigere e controllare a livello nazionale le attività delle organizzazioni che sviluppino azioni contro incendi e riscatto in caso di sinistri, ad eccezione dei rappresentanti delle Forze Armate e della Polizia Nazionale del Perù. Offrire l'appoggio richiesto alle rispettive autorità per la mitigazione dei disastri naturali o indotti, conforme alle direttive del Sistema Nazionale di Difesa Civile. I membri del CGBVP svolgono le proprie funzioni a Titolo Gratuito. Anche la Direzione e gli incarichi delle unità organiche sono svolti a titolo gratuito.

Il giorno 5 dicembre si festeggia il "Giorno Del Pompiere Volontario Del Perù"

Sede del Comando Nazionale: Viale: Salaverry Numero 2495 Distretto: San Isidro Dipartimento: Lima Telefono: 2220222 Centrali Emergenze: 116

Pagina web: :http://www.bomberosperu.gob.pe

Gli immigranti italiani iniziarono ad arrivare in Perù nel periodo coloniale, nonostante l'opposizione degli spagnoli all'entrata degli stranieri in America Latina. Tra il 1500 e il 1820 si stabilì sulla costa peruviana un piccolo numero di italiani nella maggioranza marinai, pescatori ed avventurieri. Nell'epoca repubblicana, la colonia italiana continuò a crescere lentamente. La maggioranza degli italiani si stabilì lungo la costa, principalmente nella città di Lima ed il Callao.

Una delle prime attività di ogni gruppo di immigrati, appena arrivati in un nuovo paese, è quella di creare istituzioni di appoggio ed aiuto per i suoi membri. Gli europei arrivati in Perù nel secolo scorso non fecero eccezioni, inglesi, francesi, tedeschi, italiani e spagnoli formarono istituzioni volontarie per soddisfare le proprie necessità sociali, educative, economiche e professionali.

Tra 1860 e 1920 i membri della colonia italiana crearono diverse associazioni in Perù, da quelle di beneficenza fino ai club ricreativi. La maggioranza di queste erano ubicate nell'area di Lima e Callao, località dove risiedeva la maggior parte degli italiani in Perù. Alcune di queste istituzioni avevano filiali in città di provincia come Arequipa, Trujillo e Tarma.

Una delle più utili organizzazioni di servizio delle colonie di immigrati furono le Compagnie dei Pompieri Volontari. Nel 1866 quando la Spagna si preparava a bombardare le coste del Callao, la municipalità di Lima sollecitò le collettività italiana, francese e svizzera affinché creassero proprie compagnie di pompieri per proteggere la città ed i suoi stabilimenti. La colonia italiana fu la prima a rispondere inaugurando la (Pompa) "Roma" il 15 Aprile del 1866. Inoltre, il 28 Ottobre di 1868 fu fondata anche la Compagnia dei Pompieri "Bellavista", oggi "Italia", il 13 Ottobre di 1872 la Compagnia di Pompieri "Garibaldi" nel distretto di Getti ed il 25 Gennaio di 1873 la Compagnia "Garibaldi" nel Callao.

Oltre alle istituzioni menzionate gli immigrati italiani fondarono una varietà di Club Sociali, Culturali e Ricreativi.

"Saremmo ingrati a non menzionare le compagnie con missione umanitaria scomparse, crediamo di avere compiuto un atto di giustizia, nella loro effimera esistenza, tributando un emozionato omaggio alla memoria di quei benemeriti ed anonimi volontari."

Compagnie di Pompieri Organizzate per la Difesa Del Callao in 1866

Nel 1866, è necessario anche sottolineare il successo che ebbe la chiamata dell'allora Sindaco di Lima, signor Pablo Antonio Saline, che di fronte all'imminenza del conflitto internazionale che si avvicinava, chiese alle comunità straniere affinché installassero compagnie di pompieri. E della risposta delle comunità italiana, francese, inglese, tedesca, etc.; così come dagli artigiani di Lima ed altre località. L'iniziativa del signor Saline e il pericolo generale, trovano eco nel Callao, punto principale del pericolo. Con la fretta delle circostanze, nel termine di pochi giorni, sorgono tra Lima ed il Callao, le seguenti compagnie: "La Repubblica", "Dogane", "Gran Pacifico", "Bellavista", "L'Italiana", "Santa Rosa", "Santa Ana"; costituita dagli inglesi; e la "Società di Artigiani"; tutte ebbero un ruolo attivo operando con abnegazione e partecipazione patriottica nelle ore di pericolo. Dati storici di gran importanza patriottica, ci obbligano a citarli in questa pagina.

Compagnia dei Pompieri Spagnola "Salvatore Iberia" Dobbiamo nominare anche alla compagnia di pompieri spagnola "Salvatore Iberia" che fu fondata il 12 Febbraio del 1882, dalla comunità spagnola; la cui sede era ubicata in strada Lártiga. Accorrendo ad un incendio successo il 21 di agosto di 1892 che distrusse i palazzi compresi tra le strade Costituzione, Indipendenza, Molla ed Arsenale che iniziò nell'antico hotel "Italia", nel Callao. Qui morì il Pompiere Alberto Derenzine, cittadino peruviano, martire della "Salvatore Iberia". I suoi resti furono trasportati, per la veglia funebre nella sede della Compagnia nel Callao. La sua memoria quasi dimenticata, fu considerata da una Missione presentata alla Direttiva Generale, dal prominente pompiere, signor Néstor A. Díaz includendo il suo nome nei martiri del Corpo dei Pompieri di Lima.  Questa compagnia di pompieri compie la sua missione fino all'anno 1898.

Fondazione della Compagnia di Pompieri "Bellavista", Oggi Italia, Storia della Compagnia Italiana di Pompieri Volontaria "Italia No. 5"Il 28 Ottobre del 1868, nella Provincia Costituzionale del Callao, fu fondata la Compagnia di Pompieri "Bellavista", sotto l'insigne figura dei suoi illustri fondatori, con finalità altruistica ed umanitaria, di proteggere la cittadinanza dall'implacabile nemico: il fuoco, e difenderla delle diverse minacce che potessero sorgere contro la proprietà. In questo modo, gli insigni membri della colonia italiana, decisero di trasmettere ai posteri l'opera l'apice della loro gratitudine alla patria gloriosa del Perù che li aveva accolti con le braccia aperte e li aveva riparati sotto il manto del suo cielo azzurro. Il primo Direttivo della Compagnia prestò giuramento davanti alle Autorità locali e davanti all'Assemblea il 28 Ottobre di 1868 ed era composto da: Giovanni Bollo, Tomaso Radavero, Ambrogio Carcovella, Alejandro Gabrielli, Biagio Carcovich, Gaetano Poggi, Faustino Piaggio. I primi materiali contro gli incendi fu regalato dall'allora sindaco del Callao, signor Gregorio Reale, e consisteva in attrezzi ed una pompa a mano, quella che oggi è conservata e considerata una preziosa reliquia. L'Istituzione, attraverso la sua lunga storia e durante tutta la sua esistenza, è stata presente in tutti i campi del dovere. La sua azione non si è limitata solo al compimento con abnegazione della missione di estinguere gli incendi, ma nelle ore difficili per la Patria, i suoi volontari con ferrea disciplina hanno assunto l'alta missione di salvaguardare l'ordine pubblico, guardia urbana, ambulanza e salvataggio, offrendo in ogni momento difesa e protezione alla collettività a cui con abnegazione il servizio volontario ha messo in pratica il suo motto "L'Unione Fa La Forza".

Durante la nefasta guerra del 1879 - 1884, contro il vicino paese del sud, i pompieri della Compagnia furono presenti sull'altare della Patria e 200 volontari delle proprie fila, formarono il Battaglione del Corpo di Pompieri del Callao pronti a soffocare gli incendi che potessero causare i bombardamenti delle forze nemiche, compiendo anche servizi di guardia urbana ed ambulanza. Il 3 Gennaio di 1886, con l'accordo di tutti i membri appartenenti a questa Compagnia, decidono di cambiare il nome "Bellavista" per chiamarsi Compagnia di Pompieri "Italia" . Nel 1895, durante la rivoluzione fatta contro il governo dell'allora presidente della repubblica, la compagnia partecipò ai servizi di ambulanza e guardia urbana, scrivendo una nuova pagina di eroismo nella sua immacolata storia. Cessata la lotta e ristabilita la calma, il Congresso della Nazione, in segno di gratitudine verso le compagnie di pompieri, volle decorare le loro rispettive bandiere, concedendo loro una Medaglia d'Oro ed il Titolo di "Benemerite" della Patria, per gli insigni servizi .  Il 28 di Luglio del 1896, il presidente della repubblica, signor Nicolás de Piérola, consegnò a tutti i pompieri volontari di Lima, Callao e Chorrillos i diplomi firmati da lui congiuntamente con il ministro della guerra, colonnello José A. de la Puente, per i loro servizi umanitari e patriottici, in ragione della loro valorosa partecipazione alla guerra contro il Cile.

Il 02 Novembre del 1969, la Compagnia dei Pompieri "Italia", organizza la Brigata Femminile di Pompiere e "Ausiliarie", risultando in questo modo unica nel suo genere in ambito nazionale, continentale e forse mondiale; incorporando in questo modo la donna nelle funzioni di pompiere. Nel 1998, per le celebrazioni del 130º anniversario di fondazione, si concretizza la volontà del personale della Compagnia, ed ottenendo la traslazione dei resti del fondatore e primo maggiore della Compagnia, Giovanni Bollo, nella piazza che porta il suo nome, di fronte alla sede istituzionale.  Per lo stesso motivo, il 28 Ottobre del 1998 si inaugura il Primo ed unico Museo dei Pompieri Volontari nel Perù che porta il nome del: "Brigadiere C.B.P. Ezio Massa Capurro" che fu uno dei più illustri pompieri che prestò servizio in questa istituzione per oltre 78 anni ininterrotti, ritenuto il pompiere più vecchio del Perù. I padrini di questa cerimonia furono il comandante generale, Víctor Potesta Bastante e la moglie di questo illustre pompiere, Sig.ra Olga Gárate Vda. di Massa. Incorniciate come allori, di tutta questa gran magnificenza e tutta la gloriosa storia di questa Compagnia, le onorificenze conferite da: il Governo Peruviano come quella concessa dal Governo Italiano, per i distinti servizi; dalla municipalità del Callao; dal Corpo Generale di Pompieri del Perù; dalle Compagnie dei Pompieri della Repubblica e con esse l'importante collezione di materiali che si trova in esposizione nel museo, trasmettendo alle generazioni future l'impegno di mantenere invariata la ragione della propria esistenza: "L'Unione Fa La Forza."

Considerando l'importante ruolo che, dentro la missione pompiere, può svolgere l'elemento femminile - capace di realizzare perfettamente il lavoro raccomandato, soggetta alle più strette norme di disciplina -, su iniziativa del signor maggiore Virgilio Airaldi Panettiere, Comandante Attivo della Benemerita e Centenaria Compagnia Italiana di Pompieri Volontaria "Italia" e Comandante Generale del Benemerito Corpo di Pompieri del Callao, è stata organizzata nella Compagnia, una Brigata Femminile di Pompiere ed Ausiliarie, formata per 19 signorine, tutte esse debitamente registrate nella graduatoria di soci dell'Istituzione. La brigata femminile che fu preparata tecnicamente seguendo le stesse norme che si adottano con i volontari che entrano alle sue file, si trovò in condizioni di agire in qualunque emergenza con le istruzioni che riceverono in forma preliminare. In detta istruzione furono qualificate in primi aiuti e corsi più avanzati, egli quale permise loro di sdebitarsi applicando in tutta la sua estensione le conoscenze acquisite. Questi culminarono con l'ottenimento del titolo corrispondente di: Brigata Femminile di Bomberas ed Auxiliaristas, il 02 Novembre di 1969.

Nella sublime storia dei pompieri, non può smettere di riconoscersi il valore di queste dame, per il compimento delle loro funzioni, per volta prima nella storia pompieristica del Perù, dell'America e probabilmente del mondo. Esse apportarono, non solo le glorie e gli allori alla Compagnia di Pompieri "Italia" ai quali appartenevano e per il suo primo capo, creatore ed istruttore, maggiore Virgilio Airaldi Panettiere, bensì per tutto il Corpo Generale di Pompieri Volontari del Perù, come veri Precursori dell'attività femminile dentro le differenti istituzioni civiche e militari.

Attualmente la Compagnia di Pompieri Volontaria "Italia" Nro. 5 conta su personale altamente qualificato in accordo con l'avanzamento tecnologico della nostra era, perciò si richiede una costante attività giornaliera con il fine di mantenere un livello di preparazione adeguato. Compiendo efficacemente le funzioni raccomandate dal Corpo Generale di Pompieri Volontari del Perù dentro la sua giurisdizione. Promuovendo e coordinando azioni di prevenzione di incendi ed incidenti. Combattendo incendi, offrendo attenzione medica in caso di emergenze causate per incendi o incidenti, prestando il soccorso e l'aiuto dovuto in maniera immediata. Offrire l'appoggio richiesto alle autorità della nostra giurisdizione per la mitigazione dei disastri naturali o indotti, come dalle direttive del Sistema Nazionale di Difesa Civile. Queste funzioni sono sviluppate dal personale della Compagnia a titolo Gratuito durante le 24 ore . Contando su una unità di lotta contro incendi, come di due unità mediche equipaggiate adeguatamente. Inoltre, nel programma di prevenzione, la Compagnia di Pompieri Volontari "Italia" Nro.5 sviluppa annualmente il Programma di Abilitazione Infantile, diretto a bambini da 9 a 14 anni di età.

fonte : http://museobomberos.perucultural.org.pe/index.htm


 
Banner
News in breve
Link utili
Banner