129 visitatori online
Banner
Home
Menu Principale
Home
Cosa è Peruan-Ità
Disclaimer
I 100 anni di MacchuPicchu
Interviste e reportage
La radio dal passato ...
Notizie
Boletín: "Il Perù a Milano" (Consulado General del Perú en Milán)
Le Foto
Artisti
Personaggi
Articoli archiviati dal 2008
Archivio testi 1999-2008
FACEBOOK GROUPS
Mappa del sito
Area riservata
Corrispondenti
Redazione Italia
Dal Perù
Redazione World
Banner
Pagina FB
 
 
I più letti
San Martìn de Porres ( 3 novembre) PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Indice
San Martìn de Porres ( 3 novembre)
pagina2
pagina3
pagina4
Tutte le pagine

Innumerevoli sono gli esempi di guarigioni da tutte quelle malattie che, anche sotto l'influsso del clima della regione e aggravate dalla scarsità di nozioni d'igiene e dall'assenza di medicinali appropriati, si sviluppavano in modo virulento: morbillo, scarlattina, paralisi, febbri quartane ed eruttive, coliti e infiammazioni intestinali, scorbuto, scabbia, emorragie.
Martìn aveva trasformato l'infermeria del convento in una specie di pronto soccorso, malgrado i suoi superiori cercassero di convincerlo che quello non era un ospedale. Venivano accolti ogni sorta di malati, di feriti, o di agonizzanti. "Molti finirono per accorgersi che c'era un santo fra di loro. Altri tuttavia continuavano a maltrattarlo e disprezzarlo,a chiamarlo 'cane nero' o 'bugiardo d'un mulatto' Il donato Martìn continuava a sorridere, sfuggendo ad ogni elogio e cercando sempre nuove umiliazioni inginocchiandosi dinnanzi a chi l'insultava o rimproverava e chiedendo sempre perdono. Poi, con la solita calma, si alzava e andava a servire i suoi fratelli sofferenti." Le sue preghiere stavano ottenendo davvero effetti straordinari, guarigioni inattese, un aiuto insperato per pagare un debito, la pace di un'anima in pena.
Con l'andar del tempo, ricordando che i santi facevano grosse penitenze per ottenere dei favori speciali, si diede pure a digiuni interminabili ed a mortificazioni penosissime in un crescendo di asprezze da far rabbrividire.

Martìn de Porres non si fece santo d'un colpo, né divenne perfetto sviluppando solo le doti particolari ricevute sin dalla nacita, costruì lentamente la sua santità, tentando varie vie, soffrendo insuccessi (che gli agiografi volentieri dimenticano), arricchendosi interiormente attraverso preghiere interminabili, penitenze durissime, esercizio continuo di pazienza, d'umiltà, di lavoro faticoso, soprattutto di amore per gli infelici. Il nucleo centrale della sua spiritualità è certamente improntato all'esempio di San Domenico che vende i suoi libri per riscattare un poverello, che si sferza di notte per il suo prossimo.  Fra' Martìn dedicò tutto il tempo libero di cui disponeva ai disgraziati, al sottobosco della miseria d'ogni colore. Egli non riusciva a capacitarsi come in una città dove l'oro scorreva a fiumi e da cui passavano tonnellate d'argento, non ci fosse alcuna organizzazione assistenziale per gli orfani, non un ospedale, non un ricovero per i senza tetto. Si dedicò quindi a una forma di carità pubblica imparziale, al di là di ogni discriminazione o d'ogni legalità, così che, secoli dopo, i suoi connazionali non hanno esitato a proclamarlo 'Patrono della giustizia sociale nel Perù'. L'Aiutante cominciò ad occuparsi dei poveri che ogni giorno sfilavano a mendicare alla porta del convento: indios, spagnoli, meticci, negri, stranieri falliti, disoccupati, vecchie in miseria. Raccoglieva i resti del refettorio, ci metteva l'intera sua porzione, che gli passavano i frati, domandava aiuto a chi frequentava la chiesa. In questo modo aumentava il contenuto di un pentolone che distribuiva sorridendo, appena il frate portinaio andava a fare la siesta.

Un altro aspetto importante è il rapporto che Martìn aveva con gli schiavi che lavoravano a centinaia nelle coltivazioni di cotone, o con gli ex-schiavi.  Come figlio di una schiava, il nostro mulatto si sentiva partecipe delle sofferenze dei suoi fratelli incatenati al giogo come bestie. Andava a visitare quei suoi amici prediletti, portava loro regali, si intratteneva con loro, specie alla sera, li consolava, cantava e pregava con loro, sorrideva sempre a tutti. Oltre ai negri che lavoravano nei pressi della città, ai quali accudiva con frequenza, aveva da curare vari gruppi di negri e liberti ai quali riservava vestiti, leccornie, frutta tropicale e corone del rosario, fatte con bacche rosse. I padroni non si opponevano alla sua presenza perché, dicevano, "..vale più di un veterinario". Ottenne di poter devolvere l'eredità che gli lasciò morendo il cavalier Juan de Porres verso il 1625 o 1626 agli ex-schiavi. Rimane poi una pagina bianca da riempire: la sua attività nascosta e silenziosa in favore anche degli schiavi fuggitivi che si raccoglievano nelle 'huacas', cioè nei luoghi occulti  delle sepolture incaiche disseminati nella pianura del Rimac."



 

Banner
News in breve
Link utili
Banner