66 visitatori online
Banner
Home
Menu Principale
Home
Cosa è Peruan-Ità
Disclaimer
I 100 anni di MacchuPicchu
Interviste e reportage
La radio dal passato ...
Notizie
Boletín: "Il Perù a Milano" (Consulado General del Perú en Milán)
Le Foto
Artisti
Personaggi
Articoli archiviati dal 2008
Archivio testi 1999-2008
FACEBOOK GROUPS
Mappa del sito
Area riservata
Corrispondenti
Redazione Italia
Dal Perù
Redazione World
Banner
Pagina FB
 
 
I più letti
San Martìn de Porres ( 3 novembre) PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Indice
San Martìn de Porres ( 3 novembre)
pagina2
pagina3
pagina4
Tutte le pagine

Con l'andar del tempo, i Priori che si succedevano a Santo Domingo, gli diedero carta bianca, d'altra parte, non avrebbero potuto controllare l'enorme contabilità nell'amministrazione del Terziario donato, per il semplice fatto che non tenne mai registri né fece mai consuntivi e preventivi. Gli bastava tenere una lista delle famiglie bisognose e una specie di calendario settimanale nel quale suddivideva le entrate secondo i diversi tipi di soccorsi ai quali s'era impegnato in nome della Divina Provvidenza.

Un'attenzione particolare Martìn la riservava ad ogni tipo di animale in difficoltà: cani, gatti topi, corvi o galline, tori... Nella causa di Beatificazione e nel Sacro Diario Domenicano, troviamo un'infinità di esempi a questo proposito. Come quando i topi invasero il ripostiglio dell'infermeria, dove si teneva la biancheria per i letti degli ammalati. Vedendo che l'invasione aumentava e che i padri mettevano trappole dappertutto, prese in mano un topino che era uscito da un guanciale di piume e gli tenne una conferenza molto diplomatica: "Fratello mio, dica a questi suoi compagni che sono ormai dannosi alla comunità. Io li compatisco perché gli manca il sostento e però non ho voluto che li ammazzino; orsù dica loro che vadano nella tal parte del nostro giardino, che vi porterò il quotidiano sostento."  E i topi fecero come era stato loro detto: aspettavano che Martìn portasse loro il cibo quotidiano e, con meraviglia di tutti i religiosi, all'arrivo del Santo uscivano dai loro nascondigli per venirgli incontro.
O ancora: dopo una notte di preghiera, fece risuscitare un cane, di proprietà del Procuratore del convento, che, dopo aver tentato invano di scacciarlo dal convento, lo aveva fatto uccidere da due schiavi perché era diventato troppo vecchio. Martìn, con umiltà, fece al Procuratore una fraterna correzione, perché aveva ripagato in quel modo poco pietoso la creatura che lo aveva servito e accompagnato fedelmente per tanti anni...
Gli esempi si potrebbero moltiplicare. C'era chi metteva in dubbio questi avvenimenti, perché "Dio non suole operare cose inutili e senza necessità." Ma non è forse questo un segno della capacità di guardare la realtà all'interno del grande disegno di Dio e perciò, nell'affidamento totale a lui, la capacità di valorizzarne qualsiasi aspetto, anche il più apparentemente banale?

L'autore del testo dal quale abbiamo attinto tutte queste notizie, dice di aver scorto uno spiraglio del segreto di San Martìn de Porres solo nella volontà di umiliazione, al fine di poter servire con ineguagliabile amore il ghetto dei poveri, i più umili, gli infimi della scala sociale. Ma se si vuol parlare di carismi e di modelli specialissimi secondo i segni dei tempi, si scopre lo specifico del Terziario di Lima nella sua confessione di medico, di consolatore e soprattutto di riparatore dei peccati delle due razze che urgevano in lui.  Chi ricerca più a fondo, al di là di segreti del mestiere o di una carità vissuta al massimo grado, capisce che nel piano divino di salvezza i doni della Provvidenza spingevano il figlio della schiava negra e del cavaliere di Burgos all'offerta di se stesso come vittima dell'espiazione per i peccati di due razze, per la riconciliazione di due mondi, per l'inaugurazione d'un regno di carità fatto di perdono e di servizio.

San Martìn de Porres morì, dopo due settimane di malattia, il 3 novembre 1639, all'età di sessant'anni. Aveva accettato per obbedienza di essere steso sul letto dell'infermeria con delle lenzuola. Ma oltre che dai confratelli, era assistito dalla Vergine Maria, da san Domenico e dagli angeli, tanto che, rapito in estasi proprio quando era venuto a visitarlo il Viceré, fu rimproverato dal priore perché aveva fatto aspettare questa importante persona... Morì mentre i confratelli e i novizi nel chiostro, cantavano il Credo, dopo aver cantato, come è l'uso domenicano in questa circostanza, il Salve Regina.

Tutte le notizie e citazioni sono tratte da: P. Reginaldo Francisco O.P. "Il primo santo dei negri d'America - San Martìn de Porres", Ed. Studio Domenicano, Bologna 1994

Tratto dal web : http://www.caritas-ticino.ch/riviste/elenco%20riviste/riv_9606/art_019.htm
L'immagine è tratta da http://www.arzobispadodelima.org/santos/smartin/index.html



 

Banner
News in breve
Link utili
Banner