59 visitatori online
Banner
Home
Menu Principale
Home
Cosa è Peruan-Ità
Disclaimer
I 100 anni di MacchuPicchu
Interviste e reportage
La radio dal passato ...
Notizie
Boletín: "Il Perù a Milano" (Consulado General del Perú en Milán)
Le Foto
Artisti
Personaggi
Articoli archiviati dal 2008
Archivio testi 1999-2008
FACEBOOK GROUPS
Mappa del sito
Area riservata
Corrispondenti
Redazione Italia
Dal Perù
Redazione World
Banner
Pagina FB
 
 
I più letti
CELEBRACIÓN DEL ANIVERSARIO PATRIO 28 luglio 1821 - 28 luglio 2017 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
Venerdì 09 Luglio 2010 20:44
Indice
CELEBRACIÓN DEL ANIVERSARIO PATRIO 28 luglio 1821 - 28 luglio 2017
in Italiano
Tutte le pagine
 

L'indipendenza del Perù è stato il frutto del processo di emancipazione che toccò tutto il continente Americano. Conseguenza degli eventi storici e delle correnti libertarie del XVIII secolo che portarono all'indipendenza degli Stati Uniti d'America, alla Rivoluzione Francese e all'avvento di Napoleone Bonaparte in Europa e che si ripercossero nei paesi dell'America Latina.

In Perù, dopo il massacro di oltre 70.000 insorti e l'uccisione del promotore la rivolta indigena, Josè Gabriel Condorcanqui a Cuzco nel 1781, la crisi del colonialismo spagnolo si aggravò ulteriormente con l'aspirazione all'autonomia delle classi più agiate che si consideravano anch'esse sfruttate dalla Spagna. Nonostante il malcontento ed alcune isolate ribellioni come quella di di G.Aguillar e M.Ubalde, condannati nel 1806, l'essere il Perù, centro e caposaldo politico dell'impero coloniale spagnolo rappresentò un'ulteriore ostacolo all'insurrezione.

Altri movimenti per l'indipendenza vi furono a Tacna, da parte di Francisco Antonio de Zela y Arizaga, creolo abitante di Lima, dei suoi luogotenenti, gli indigeni José Rosa e Toribio Ara, dei creoli e meticci nativi di Tacna, il 20 giugno 1811. Solo nel 1820 al termine del vasto processo di liberazione che scosse tutto il sud america, le truppe argentine e quelle colombiane guidate rispettivamente da J.de San Martin e Simon Bolivar, sbarcano aiutate dalla flotta inglese, sulla costa peruviana a dar man forte al movimento peruviano.

L'esercito peruviano, al comando del Maresciallo Antonio José de Sucre, contava sulla partecipazione di numerosi ufficiali e soldati latinoamericani, tra i quali si trovava il colonnello panamense Tomás Herrera. Buona parte dei soldati peruviani costituirono e combatterono nel battaglione "Legión Peruana" nella quale si distinsero gli ufficiali Ramón Castilla, Miguel San Román e Narciso Tudela per l'eroicità della loro azione sul campo di battaglia. L'anno successivo vi è la conquista di Lima il 28 luglio 1821, in quella stessa giornata il Generale José de San Martín proclamò la Repubblica che ebbe in J.de la Riva-Augûero il primo presidente.

L'atto dell'Indipendenza Peruviana era stato sottoscritto a Lima il 15 luglio 1821 dal Consiglio Comunale Popolare ed era stato redatto da Manuel Pérez de Tudela, che anni dopo assunse la carica di Ministro degli Affari Esteri. La guerra prosegui dato che il vicerè appoggiato dal clero e di gran parte degli indios resisteva a Callao e nella Selva. Il crollo definitivo del domino spagnolo si ebbe con la memorabile battaglia di Ayacucho il 9 dicembe 1824, quando gli spagnoli furono sconfitti dall'esercito guidato da S. Bolivar.  

 

 



 

Banner
News in breve
Link utili
Banner