100 visitatori online
Banner
Home Mantova - Antica Fiera delle Grazie: sei secoli di storia
Menu Principale
Home
Cosa è Peruan-Ità
Disclaimer
I 100 anni di MacchuPicchu
Interviste e reportage
La radio dal passato ...
Notizie
Boletín: "Il Perù a Milano" (Consulado General del Perú en Milán)
Le Foto
Artisti
Personaggi
Articoli archiviati dal 2008
Archivio testi 1999-2008
FACEBOOK GROUPS
Mappa del sito
Area riservata
Corrispondenti
Redazione Italia
Dal Perù
Redazione World
Banner
Pagina FB
 
 
I più letti
Mantova - Antica Fiera delle Grazie: sei secoli di storia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Mercoledì 04 Agosto 2010 20:29
Grazie-SantuarioLa Fiera quest'anno aprirà i battenti  venerdì 13 e come al solito chiuderà il 16 agosto. Il Santuario della Madonna delle Grazie fu costruito per volere di Francesco Gonzaga, quarto Capitano del popolo, in ringraziamento per la cessata pestilenza nel 1399. Terminato e consacrato il 15 agosto 1406. Nell'interno, le colonne e le decorazioni sono in legno, intercalate da nicchie in cui vi sono figure di Santi e ex voto costruite intorno al 1517 da Frate Francesco d'Acquanegra. Notevole il patrimonio degli ex Voto disperso e trafugato. Ogni anno, a cavallo del 15 agosto, Giorno dell'Assunta , sul sagrato si tiene la "Fiera" ed è ormai tradizione l'incontro con i "Madonnari", Pittori di strada. Valenti artisti che con pazienza ed abilità trasformano il sagrato del Santuario in una galleria d'arte. Purtroppo, tali capolavori eseguiti nella notte tra il 14 e 15 il agosto con i gessetti sull'asfalto, sono destinati a sparire al primo temporale.

 

Di seguito il programma:

  • VENERDI 13. Alle 8.30 in piazzetta Madonna della Neve inizio iscrizioni dei madonnari. Alle 19 nel piazzale del santuario inaugurazione della fiera con il saluto del sindaco Antonio Badolato e rinfresco sulla sponda del lago. Alle 21 musica sacra in Santuario, con lo “Stabat Mater” di Gioacchino Rossini.
  • SABATO 14. Alle 8.30 in piazzetta Madonna della Neve prosecuzione delle iscrizioni dei madonnari. Alle 17 spettacolo teatrale dei burattini di Coriani in riva della Madonna. Alle 18.30 al santuario, primi vespri cantati della solennità dell’Assunta, presieduti dal vescovo Egidio Caporello, che eseguirà la benedizione “dei madonnari e dei gessetti”. Poi l’inizio del 38esimo incontro nazionale dei madonnari, senza interruzione fino al tramonto di domenica. Alle 19 inizio della 15esima edizione del concorso “Il Bancofiera”. Alle 21 in via Pozzarello spettacolo di burattini del centro teatrale Coriani.
  • DOMENICA 15. Alle 10 nel santuario, santa messa solenne presieduta dal vescovo di Mantova Roberto Busti. Alle 11.30 nel piazzale del santuario premiazione del vincitore del “Bancofiera”, e alle 19 dei vincitori dell’incontro dei madonnari. Alle 21.30 sempre nel piazzale, “Luci sui Madonnari”, lo spettacolo di intrattenimento del dopo concorso.
  • LUNEDI’ 16. Alle 10.30 nella sala civica della piazzetta Madonna della Neve congresso dei madonnari con rinfresco. Alle 19 premiazione dei vincitori del concorso fotografico “Uno sguardo in fiera”. Alle 20 nel piazzale del santuario lettura di una selezione di “Poesie in fiera”. Alle 21 sul sagrato del santuario “La Rossignol” presenta “L’amor mi fa cantar”, sacro e profano nella musica del tardo rinascimento italiano. Alle 23 chiusura della fiera con spettacolo pirotecnico e musicale. Celebrazioni religiose.

 santuario2004  sagrato-ago07_

La prima edizione fu fatta sicuramente nel 1425, il rilancio con il concorso dei madonnari nel 1973
Con l’imminente prossima edizione, l’Antichissima Fiera delle Grazie si carica di quasi 6 secoli, in quanto ha una datazione certa al 1425, per gli stretti legami con la storia del santuario mariano. Dall’origine ad oggi quindi tant’acqua del Mincio è passata a lambire la Riva della Madonna dove troneggia il tempio dedicata alla Beata Vergine. Da allora la fiera ha avuto alti e bassi, ma ha sempre trovato il modo di sussistere, tranne alcune forzate sospensioni causate dalle guerre o dall’afta epizootica. Ma l’affluenza dei fedeli non è mai mancata. Tantissimi sono i ricordi, le memorie, le notizie, le curiosità che si è avuto modo di conoscere tramite documenti del tempo. Costituiscono un ‘Amarcord’ della fiera più cara ai mantovani.

Di essa si ha notizia da una ‘guida’ (avviso) dell’11 agosto 1425. Nasce con carattere prettamente religioso e devozionale, tantoché nel 1430 è vietato il «ballo» nella giornata del 15 agosto, festa dell’Assunta. Le contrattazioni vietate nei giorni 14 e 15 quando assumerà una connotazione economico-commerciale.

PORTICO DEI PELLEGRINI. Nel 1563 viene eretto un portico di 52 arcate per il ricovero di pellegrini e mercanti; nel 1652 si hanno le «botteghe» che nel 1687 saranno 186: per il loro uso veniva chiesto e corrispettivo «un paio di pollastri». Mentre sulle merci commerciabili in fiera i governanti, dai Gonzaga, Carlo II Giuseppe I e Carlo VI, Maria Teresa d’Austria, impongono dazi e balzelli. Solo nel 1860 il commercio verrà liberalizzato. Dei malfattori e borsaioli si parla nel 1774: 16 vengono arrestati per furti vari: una vacca, un tabarro, due paia di scarpe ed altre minuzie. Molto frequentata in quel tempo la via d’acqua per raggiungere Grazie da Mantova-Angeli e ritorno. Si usavano barconi e barche da 14 a 28 posti con 2, 3, 4 rematori.
TRAGEDIA IN BARCA. Nel 1789 una barca di pellegrini, di ritorno dal Santuario, ebbe a rovesciarsi e 23 persone annegarono. Da allora il servizio a mezzo barca di persone e cose venne disciplinato. Gli imbarcaderi si trovavano uno sul retro del Santuario, a cui si accedeva attraverso «una scala di pietra coperta»; un altro a Portazzolo (vicino al convento di S. Francesco); e il terzo a «Porta Pradella e Cepetto». Nel 1821 erano 21 i battelli dei remiganti per una capienza di 237 posti.  Nel 1829, in Fiera, le ‘mete’, cioè gli odierni listini o prezziari, mettono il ‘butirro fresco’ a 72 cent per libbra (austriaco); la carne di manzo a 33 cent, di vitello a 35; il pane «tutto fiore alla Tira» e alla francese 12 cent ogni 8 once. Il pane di farina da frumento ‘di scelta qualità’, nel 1887, venduto a 40 cent. (italiani) al kg.
REGOLAMENTO. Nel 1854 si adotta il «Regolamento per la sicurezza pel mantenimento del buon ordine e tranquillità su la Fiera di Grazie»: si impone al pubblico di lasciare la «zona fiera alle ore 10 della notte ovvero al suono della campana». Nel 1868 si hanno i primi manifesti, avvisi ed ordinanze concernenti la fiera, emessi dal sindaco Giuseppe Collini, dal Municipio di Buscoldo. È nel 1879 invece che, dalla Residenza municipale di Montanara, il sindaco neo eletto Enrico Sacchetti, con megamanifesto di 80x170, annunciando la Fiera, avverte di una lotteria benefica a favore dei danneggiati dalle acque del Po e di ristagno, la cui estrazione avverrà alle 6 pomeridiane del 15 agosto; in vendita 12.000 cartelle a cent 50 ognuna, per 30 premi in palio, tra cui un paio di vitelli, un puledro, un aratro Abeni, una macchina per imbottigliare, un orologio a mano ed una fornitura oro spada con perle e turchesi (lavorazione a mano di artista mantovano).

GIOCHI VIETATI. Arriviamo così al 1881: il primo cittadino vieta, in fiera e nei pubblici locali, i giochi d’azzardo quali «il toro, i dadi, la bianca e la rossa, il tornello, i bussolotti, i 3 numeri, le riffe, il punto e la tombola». Nel 1896 e 1897 il Santuario ospita, tra i confessori dell’Assunta, don Doride Bertoldi, l’arguto parroco di Villagrossa, che sotto il nome di Anfibio Rana pubblica le proprie poesie ne La musa paisana con li fransi. In quei tempi (altroché oggi!) i bilanci degli enti ed istituzioni varie non potevano «chiudere in rosso»: se si andava in deficit, come nel 1830, il responsabile dirigente, ne rispondeva; ne sa qualcosa il marchese Capilupi che sborsò 15,72 lire a ripiano.

IL FASCISMO. Arriviamo al 1936 / XIV EF, in fiera si incentiva il settore zootecnico: premi in denaro, medaglie e diplomi ai migliori esemplari bovini e equini per un monte premi di 1.200 lire complessivi: la scelta ad una qualificata giuria col presidente dr. Bertolini, e membri dr. Bagnoli, Franchi, Sarzi Sartori, Marocchi e Morandi. Nello stesso periodo, l’ingresso del bestiame in fiera è a pagamento: 30 cent. per buoi, vacche, cavalli e muli; 15 cent. per vitello e giumenta; 10 cent. per pecore, castrati, e suini. Eccezionale l’afflusso di pellegrini alla Fiera del 1945; calcolate 100 mila persone, arrivati soprattutto a ringraziamento della cessazione della 2ª guerra mondiale. Negli anni successivi sarà la meccanizzazione a farla da padrone, spiazzando la mostra-mercato bestiame, con rassegna di esposizione dei moderni mezzi meccanici per l’agricoltura. La Fiera cala in presenze.
I MADONNARI. Ma nel 1973 il colpo di sole: il raduno dei pittori a gessetto, i madonnari, che si rivela toccasana per il rifiorire dell’Antichissima. L’idea di Fringuellini e Boschesi, recepita dalla Pro loco, rappresenta l’asso nella manica che porta gente a fiumi a Grazie, al Santuario e alla Fiera. Il primato Guinness nel 1991 il cotechino di 22,12 metri di lunghezza, 29 cm di circonferenza, peso 500 kg, 2000 fettine ognuna di etti 2 e mezzo volatilizzate: opera del Baffo Giulio Ghidetti.
Nel 2001 viene richiesto un obolo per accedere al sagrato. Iniziativa rientrata l'anno successivo  (visto lo scarso successo riscosso) per festa per il 30º anniversario dei madonnari con la  spostamento definitivo delle bancarelle dal sagrato.Perdendo quel fascino antico di mescolanza tra sacro e profano Nel 2010 la consacrazione nel volume ‘Madonnari in Piazza 1973-2007’.

GIANFRANCO BELLINI

tratto da La Gazzetta di Mantova


 

Banner
News in breve
Link utili
Banner