Lima. L'archeologo italiano Giuseppe Orefici presenta le ricerche sul Centro Teocratico di Nasca Stampa
Notizie - Notizie flash
Scritto da Administrator   
Sabato 23 Febbraio 2013 17:04
Il 19 febbraio, alle ore 19.00, nel Centro Cultural Inca Garcilaso di Lima, si è tenuta  la conferenza "Le piramidi di Cahuachi: anteprima delle ricerche realizzate nel centro teocratico di Nasca", a cura del celebre archeologo e architetto italiano Giuseppe Orefici, il quale da trent’anni indaga in questo sito archeologico, grazie all’auspicio del Ministero degli Affari Esteri italiano.

Alla conferenza, tenutasi nell’ambito del XXX anniversario della cooperazione scientifica e archeologica italiana nella zona di Nasca, erano presenti l’ambasciatore d’Italia, Guglielmo Ardizzone, e il rettore dell’Universidad Ricardo Palma, Iván Rodríguez Chávez.

Capitale del potere politico e religioso dei governanti della cultura Nasca, il complesso archeologico di Cahuachi (400 a.C. - 450 d.C.) è uno dei più grandi dell’epoca Preispanica. Le sue piramidi, le piazze e i templi disposti a scaglioni costituiscono una delle costruzioni in adobe più importanti della zona, per questo è stato oggetto di lunghe ricerche durante il XX secolo.

Tra gli ultimi risultati della ricerca realizzata da Orefici si trovano la scoperta di una serie di alloggi dell’epoca Paracas-Nasca, un cospicuo patrimonio di dati sull’antica popolazione della valle e la determinazione di diversi momenti di ristrutturazione architettonica della struttura degli edifici.

Giuseppe Orefici è presidente del Centro Italiano Studi e Ricerche Archeologiche Precolombiane (Cisrap), direttore del Museo Didattico Antonini di Nasca e dottore honoris causa dell’Universidad Ricardo Palma. Dal 1977 ha realizzato ricerche nell’Amazzonia e nella costa peruviana. È autore dei libri: "Nasca: Archeologia per una ricostruzione storica" (1992), "Nasca: Hipótesis y Evidencias de su Desarrollo Cultural" (2003), "El desierto de los dioses de Cahuachi" (2010) e "Cahuachi Capital teocrática Nasca" (2012).

Fonte: aise