72 visitatori online
Banner
Home Presentata la ricerca sui nuovi milanesi
Menu Principale
Home
Cosa è Peruan-Ità
Disclaimer
I 100 anni di MacchuPicchu
Interviste e reportage
La radio dal passato ...
Notizie
Boletín: "Il Perù a Milano" (Consulado General del Perú en Milán)
Le Foto
Artisti
Personaggi
Articoli archiviati dal 2008
Archivio testi 1999-2008
FACEBOOK GROUPS
Mappa del sito
Area riservata
Corrispondenti
Redazione Italia
Dal Perù
Redazione World
Ángela Roig Pinto
Banner
Pagina FB
 
 
I più letti
Presentata la ricerca sui nuovi milanesi PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Ángela Roig Pinto - Corrispondenti
Il 27 novembre, in una serata colma di tradizioni, presentata la ricerca sui peruviani a Milano.

Foto di GRUPPO

Presentata la ricerca sui nuovi milanesi
SMU: “Tenacia e creatività distinguono i peruviani”
 I peruviani in Italia sono oltre 96 mila  (42, 400 in Lombardia, di cui il 21,6 % è irregolare).  È la comunità latina più grande dopo l’Ecuador.  Grazie alla dinamicità ed alla sua capacità di integrarsi sono considerati i nuovi milanesi.
Queste informazioni le conosce bene Marco Caselli, autore di “Vite Transnazionali”,  titolo della ricerca svolta sui peruviani e peruviane a Milano, a cura della Fondazione ISMU (Iniziative e Studi sulla multietnicità).

Basandosi sulla ricerca svolta, cosa colpisce di più sul percorso migratorio dei peruviani?

Sicuramente la tenacia con cui sono stati portati avanti i loro progetti... tante volte il passaggio in Italia dal Perù è un tornare indietro. Qualcuno l’ha detto testualmente “io ho lavorato in ufficio, adesso devo andare a fare le pulizie, a curare, ecc.”, e questo è stato uno shock, ma molte persone non si sono date per vinte e hanno incominciando da un gradino basso e hanno fatto un percorso di successo. Perciò, la grande tenacia e la creatività distinguono i peruviani.
Come inizia questo percorso per i peruviani?
Cominciano dal basso delle scale sociali, con lavori umili, ma il loro spirito innovativo e la fantasia sono stati presenti sui casi di successi che valgono proprio sull’invenzione, non riciclano ciò che è già fatto, in genere svolgono progetti assolutamente nuovi, innovativi. Questa integrazione di successo si è basata molto sull’identità peruviana, con grande apprezzamento per la cultura italiana, ma il successo si è basato sulle radici peruviane, facendo dei confronti. La comunità peruviana crescente a Milano ha delle esigenze specifiche che i peruviani di successo sono stati molti attenti e hanno saputo soddisfare.

I peruviani si sono integrati nella società italiana?

Noi siamo andati a cercare ai peruviani già integrati. Non potrei affermare ciò sui tutti i peruviani.

E Milano è riuscita a integrare i peruviani?

Assolutamente sì, abbiamo presente che i peruviani hanno una carta in più, cioè la notevole vicinanza culturale, la lingua, la religione stessa... e parte delle tradizioni sono uguali. Ricordiamo che gli italiani sono andati in Perù... anche qualche nome dei personaggi politici dal Perù sono italiani, della Liguria.

Nonostante ciò la discriminazione ancora è presente...

Italia c’e un’immigrazione recente... in questo momento storico sono visti con cattivo occhio l’area culturale distante della nostra cultura e l’America Latina è più vicina, ci sono altri gruppi culturali che sono più discriminati in confronto ai latinoamericani.

Quale storia l’ha colpito più?

La storia di una donna peruviana, una persona istruita che per incominciare si è adeguata a fare la badante, nel suo tempo libero, però, si è occupata di informarsi e aggiornarsi rispetto ai temi di immigrazioni e forniva assistenza agli immigranti, dopo ha aperto un ufficio di consulenza. Si rende conto che i peruviani che riuscivano ad avere il permesso di soggiorno avevano bisogno di comperare una macchina. Lei si occupa ora di portare ai peruviani da un concessionario e poi prende la concessionaria che oggi ha lo slogan “siamo latini come sei tu”. Ma non è finita, adesso pensa di aprire una concessionaria a Lima e dare la chiave delle macchine ai famigliari dei peruviani che sono a Milano.


Profilo

Presenti in Italia
Da 5-7 anni         24.5%
Da 2-4 anni         20.5%
Stato civile          Celibe/nubile   49.9%   -   Coniugato/a    39.1%
Studi                 Scuola secondaria superiore 56%  -   Laurea  o diploma  13%
Religione            Cattolici 82.1%
Lavoro               Lavoro regolare subordinato     57%      Lavoro regolare proprio     24,2%
Settore              Sevizi alle persone 40,9 -   Servizi di pulizia   20.6%  -  Trasporto e comunicazione 11,5%
Imprese             Imprese a titolarità peruviana Lombardia 1612
Casa                  Casa in affitto 44,6%  -   Casa di proprietà 23,4%
Comunicazione con i parenti rimasti nel paese.
                        Telefono (anche via internet) 95,6 %                      E mail chat 21,3 %
Mezzi di comunicazione per informarsi su ciò che succede nel proprio paese.
                         Tramite amici, famigliari 66,9% - Tv/RADIO italiana 51,9% -  Internet 30,8%
Ritorno in Perù     Mai  37.8%  -  Meno di una volta ogni due anni 32,6%
Rimesse mensili     Nessuna rimessa 28% - Fino a 100 euro 22%
Canale utilizzato     Money transfer  55% -  Banca  10.7%

 

 

Banner
News in breve
Link utili
Banner